NIKI APRILE GATTI, MARCO PANNELLA, E…LA LETTERA E’ ANDATA PERSA (???)

SEMPRE RICOSTRUENDO IL BLOG…..

Questa lettera la scrissi verso la fine del 2008 ….una delle prime scritte da me 

Onorevole Pannella,


sono la mamma di Niki, o meglio sono l’orfana di mio figlio.
Le scrivo, perché lei tante volte si è interessato delle carceri italiane.
Dopo il 24 Giugno, ho fatto molte ricerche sul web, circa questa situazione paradossale dei carceri, ed ho trovato
diversi articoli e diverse sue dichiarazioni,dove denuncia che il carcere
di Sollicciano è tra le strutture carcerarie piu’ difficili a livello italiano e non solo, un edificio progettato per 470 detenuti e ne
ospita circa il doppio. Vorrei aggiungere io, che il sovraffollamento porta, non solo problemi di spazio, celle di 4 metri con letti
a castello a 3 brande (immaginiamo a Luglio/Agosto quello che dorme nella terza branda vicino al soffitto…) dove è difficile
muoversi, se si sta tutti e tre in piedi, uno deve rimanere a letto; ma oltre a questo, non c’è sufficiente acqua per lavarsi, i servizi igienici lasciano a desiderare, e cosa ancora piu’ grave, manca il cibo per
tutti,i detenuti possono acquistare delle cose all’interno del carcere,

ma a loro dire, costano molto di piu’ che fuori. Come è possibile?

Lì, non si vigila sui prezzi? La logica ci suggerisce che i prezzi

dovrebbero essere più bassi. Ma in questo nostro Bel Paese c’è logica?

E chissà quanti altri problemi di cui non sono venuta a conoscenza.
Leggo ancora, che Lei sostiene, che l’80% dei suicidi nei carceri, non sono tali …., ha letto l’aumento di quest’anno? 5% in piu’
rispetto all’anno scorso (e se proviamo a fare anche qui l’80%… inquietante) non siamo statistiche, siamo tutte famiglie
distrutte…Mi ha lasciato un post un avvocato, in cui
mi si dice:”voi non potete neanche immaginare cosa c’è lì dentro…..”, e io mi chiedo, io non ci sono mai entrata, ma chi l’ha fatto, come può continuare la vita nella normalità, credendo (erroneamente) che è
qualcosa che neghiamo anche a noi stessi, perché non ci toccherà mai? Ma ne siamo così sicuri??? Penso che Lei non abbia visto
la mia video intervista con Beppe Grillo, (perché io non posso crederci, per far conoscere la storia di mio figlio, mi sono dovuta rivolgere

a un “C OMIC O”), la veda e legga anche la storia, le invio il blog

http://nikiaprilegatti.blogspot.com/

Perché Le scrivo?
Ma perché mio figlio, il 19 giugno (primadetenzione, incensurato , mai avuto problemi con la Giustizia) , brillante ragazzo, grandi sogni, molto preparato nel campo dell’informatica, mai avuto depressioni e/o problemi di questo genere, 26 ANNI, viene arrestato per la prima volta
e indovini dove viene portato? Proprio lì, nel carcere di “SIC UREZZA” di Sollicciano in regime di “CUSTODIA” Cautelare. E qui
iniziano i miei perché, PRIMA DETENZIONE IN UN CARCERE DI SICUREZZA????

Erano ipotesi di reato, truffa informatica, il tutto
inserito in un giro di arresti, di 18 persone,fra cui anche personaggi noti, di età ben piu’ elevata, ma nel carcere di Sicurezza

chi ci finisce???

…. il piu’ giovane….
Il 23 giugno viene interrogato dai Pm, non vuole avvalersi della facoltà di non rispondere, dice che vuole dire quello che sa, vuole spiegare il suo lavoro, perché lui da lì vuole uscire. Parla, viene riportato in carcere e dopo l’isolamento, chiede di essere messo con italiani possibilmente non violenti(ci teneva alla sua vita???). Viene messo in cella con un Tunisino e un Marocchino con trascorsi tutt’altro che non violenti … Il giorno 24 Giugno viene trovato in circostanze per me poco chiare (i verbali del carcere portano grosse incongruenze),

“suicidato”.
Finita la sua vita e la mia per sempre … ho letto un sito Radicale dove si riporta anche il “caso” di Niki, noi Onorevole, non siamo “casi”, sono vite SPEZZATE, SIAMO FAMIGLIE DISTRUTTE.
Io cerco la verità sulla morte di mio figlio e la Giustizia, da qualunque parte essa arrivi! Chiunque è colpevole, deve pagare, siamo
in un Stato di Diritto?? Doveva essere custodito??? E se si, chi lo ha fatto? Ora del decesso ore 10, ora della chiamata al 118 ore 11.15……..
Ora Voi ci chiedete il consenso, ed è una grande richiesta, noi cosa Vi chiediamo? Cosa Le sto chiedendo io ora? Le sto dando un caso di quelli che Lei tante volte cita ed ha citato, glielo sto dando in concreto, passiamo dal generale al particolare, io voglio la Verità sulla morte di mio figlio, non si sarebbe mai Suicidato, lui che era la voglia di vivere personificata, e mai senza lasciarmi niente di scritto… e voglio la Giustizia! Scopriamo questa pentola terrificante, scaviamo,e chi sa se dal particolare non riusciamo a risolvere problematiche piu’ grandi?

Questo è un sito dove Lei ha rilasciato dichiarazioni non molto tempo fa e certo la detenzione descritta è stata molto, molto diversa, ma lì sono stati molti i politici intervenuti …..
http://www.corriere.it/politica/08_luglio_15
/del_turco_isolamento_7bd51132-5258-
11dd-b48c-00144f02aabc.shtml
anche se non c’è stata una vita spezzata, anche se non c’è stata una carcerazione uguale a quella degli altri, anche se l’età
era di gran lunga superiore a quella di un ragazzo, vada a verificare i sistemi di controllo, e non è mai stato messo in cella con altri, ma chi lo ha mai detto che la Legge è uguale per tutti?…..

(asserisco cose lette dai quotidiani locali , che, per giorni e giorni hanno occupato le prime pagine (anche qui ipotesi di reato, quindi tutto da verificare, Lui lo può fare, io cosa verifico piu’????)

E pensi invece,che i giornali, per mio figlio non hanno neanche fatto un trafiletto la settimana scorsa quando ho fatto l’intervista con Beppe Grillo e con 2 giorni, 55.000 persone hanno guardato il video!! Era piu’ importante “il concorso sulla patata del fucino”… Mio figlio l’ho curato con tanto amore e con il rispetto delle regole, non e’ mai stato un

ragazzo drogato, non mi ha mai dato problemi , era un ragazzo normalissimo con i suoi sogni, che non saranno mai piu’ realizzati e un ragazzo che non vedrò mai diventare un uomo. Il mio è un “piccolo” caso disperato e disperante, che però, forse, se Lei ci
spendesse anche una sola parola, avvicinerebbe i politici, che parlano sempre troppo spesso di problematiche così grandi alle quali non c’è soluzione, e poco, molto poco di quelle particolari che, invece avrebbero solo bisogno di buona volontà per risolverle …….

La saluto cordialmente e la ringrazio del tempo che mi ha concesso nel leggermi.

Ornella Gemini

….MAI  AVUTO  RISPOSTA…….

DOPO DUE ANNI MI TELEFONO’ UNA RADICALE PARLAMENTARE DICENDOMI CHE LA LETTERA ERA ANDATA PERSA………

MA PER FAVORE!!!!!

fazzolettone

Il mio fazzolettone Scout….oramai appeso….inutilizzabile ….nella mia camera….

“Non muoverti
Non te ne andare
Tu non dimenticarmi
Non avevo che te sulla terra
Non lasciarmi morire assiderata
Lontano sempre più lontano
Dove tu vuoi
Dammi un segno di vita
Più tardi, più tardi, di notte
Nella foresta del ricordo
Sorgi improvviso
Tendimi la mano

Portami in salvo.”
Jacques Prévert

Ti Amo Mammapersempre

 

Un pensiero su “NIKI APRILE GATTI, MARCO PANNELLA, E…LA LETTERA E’ ANDATA PERSA (???)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *