NIKI APRILE GATTI…UN ALTRO NATALE SENZA DI TE

Amore mio,

non scrivo molto, tutto ciò che porto nel cuore lo custodisco come un tesoro,la mia vita con te resta la parte più bella della mia esistenza.

Mi manchi come l’aria, non posso ripensare alla tua morte, mi fa male il cuore, sai, possono minacciare quanto vogliono per non farci continuare a scrivere i loro nomi, ma basta che qualcuno mi parli ed  elenco tutti loro, chi sono, dove abitano, le loro condotte, cosa pensano che basti non scrivere?? Passerà il tempo, ma sono seduta sulla riva del fiume…li aspetto! Le loro vite saranno perseguitate dai loro fantasmi (anche se trattasi di persone che non hanno nè anima nè intelligenza, se non tanta, ma tanta mediocrità e cattiveria). Pagheranno per quello che ti hanno fatto vedrai…

La tua sedia, quella che mi uccide ogni volta, ogni sera ed ogni sera…

Auguri Amore mio ovunque tu sia…sarai per sempre il mio ragazzo ♥ 

IL 24 e il 25 a Celano e ad Avezzano saranno affissi questi manifesti

NIKI APRILE GATTI

Natale 2021

Amore mio,

un altro Natale…la prima cosa che ci insegna il dolore è quanto possa essere violento il lutto, quanto vuote possano sembrare le parole eppure il nostro bisogno di trovarle, di descriverlo, di esternare tutto il malessere ma anche di esaltare l‘amore, quel peso atroce sul petto si alleggerisce quando parlo di te.

Adoravi il Natale, lo aspettavi tutto l’anno ed ora niente è come prima.

Passano i mesi, gli anni, e resterai per sempre il mio adorato ragazzo di 26 anni.

“Eravamo insieme,

tutto il resto del tempo l’ho scordato”

Ricordo tutti i momenti sublimi di quando andavamo in giro per i negozi a fare regali, ragionando sul senso delle cose e confidandoci dubbi, timori e cercando insieme ragioni e modi per affrontare tutto, siamo sempre stati una cosa sola ed ora mi sento così sola senza di te!

“Amo tutto ciò che è stato,
tutto quello che non è più,
l’antica e erronea fede,
l’ieri che ha lasciato dolore,
quello che ha lasciato allegria
solo perché è stato, è volato
e oggi è già un altro giorno…”

In questa triste notte di Natale tutto parlerà di Te, Auguri ovunque Tu sia

Ti Amo

Mammapersempre


Condividi su Facebook

NIKI APRILE GATTI, 13 ANNI SENZA GIUSTIZIA, LA BANALITA’ DEL MALE

 

Cercavo una piccola cosa in un mondo infinito

e invece ho trovato Te,

una cosa infinita in un piccolo mondo!

Jim Morrison

Sono trascorsi 13 anni e per me è talmente tutto vivo, che sembra oggi…Dolore sordo, voglia di urlare l’ingiustizia che ti è stata fatta da tutte le parti, ancora più forte. Forse morirò anche io senza avere Giustizia, ma Niki chiunque abbia un pò di voglia di leggere tutti gli articoli scritti su di te per sapere bene qual’è la verità, può farlo!

Eri la persona più pulita lì dentro e quella che, credendo (erroneamente) nelle Istituzioni avrebbe parlato, per questo sei stato condannato a morte! Ma le Istituzioni dov’erano? Mi sono chiesta tante volte “volevano” sapere?

Che misere persone avevi intorno, e che Miseria il sistema! Un Magistrato che non tutela, in una inchiesta per la quale tutti i Tg parlavano di milioni di euro con Telecom dentro, con l’ombra (?) della mafia, l’unico che decide di dire quello che sa, viene lasciato alla mercè di chiunque in un carcere di massima sicurezza…?

Non si poteva comunicare con nessuno, ma gli danno un telegramma spedito dalla sua stessa casa…Niki spedisce a Niki (e neanche questo gli fa venire il dubbio?? In un supercarcere e in isolamento?)  gli fanno fare telefonate(solo a chi dicono loro…non alla Famiglia) gli fanno tenere i lacci delle scarpe (smentito da tutti i detenuti passati per Sollicciano) ,la casa dove Niki abitava viene trovata dopo 15 giorni dalla sua morte, completamente svuotata e ripulita di TUTTO! Potrei continuare con altre mille cose accadute in quei giorni e che avrebbero dovuto spingere i Magistrati ad indagare, ma non è stato così.

Ancora oggi su “Ristretti Orizzonti”

causa di morte”da accertare” e “Chi” l’accerta?? Noi aspettiamo…

Non ho mai cercato consolazioni, non le voglio, non potrebbero essere MAI sufficienti! Il mio dolore è intatto, forte, ma non ho mai chiesto che fosse curato.

Vivo senza una parte di me, ma è la parte che sento di più, che mi fa più male. E’ la parte che non c’è eppure è la più vera,

Manchi Niki a tutti…♥

 

E POI…

“Verrà la morte e avrà i tuoi occhi ma dentro ci troverà i miei”

Ti Amo Mammapersempre

 

Blue Rose GIFs | Tenor

Ad Avezzano e Celano il 23 e 24 Giugno saranno affissi questi manifesti

24 GIUGNO 2008            NIKI APRILE GATTI                24 GIUGNO 2021

13 lunghissimi interminabili anni…

Amore mio,

il tempo inesorabile continua a trascorrere…a misurare la tua assenza.

Penso a tutti i nostri ieri, a quelli allegri e a quelli tristi,

penso a tutto l’Amore che ci siamo donati

e alla gioia che abbiamo condiviso.

Ogni giorno, il sole sorgendo trova i miei occhi pieni di lacrime per Te.

I tuoi sogni spezzati, rubati, la nostra vita distrutta per sempre.

I miei pensieri volano continuamente verso Te schiantandosi nel vuoto dell’assenza.

-Maestro, se la vita è un’Illusione, perchè piange la morte di suo Figlio??

-Perchè era l’Illusione più Bella!

Tu che non sai e splendi di tanta poesia.

“E l’amore guardò il tempo e rise, perché sapeva di non averne bisogno.

Finse di morire per un giorno, e di rifiorire alla sera, senza leggi da rispettare.

Si addormentò in un angolo di cuore per un tempo che non esisteva.

Fuggì senza allontanarsi, ritornò senza essere partito, il tempo moriva e lui restava…”

Il nostro Amore non si muove, Testardo come un mulo,

Vivo come il desiderio, Crudele come la memoria,

Tenero come il ricordo, resterai per sempre il mio ragazzo!

Niente consola perché niente sostituisce.

Ti Amo

Mammapersempre


Condividi su Facebook

NIKI APRILE GATTI, IL COMPLEANNO E…PER SEMPRE 26 ANNI

“Quem di diligunt adulescens moritur”

Muore giovane chi è amato dagli dei.

(Plauto, Bacchides, a. IV).

Amore mio, resterai per sempre il mio adorato ragazzo!

Domani 19 Febbraio avresti compiuto 39 bellissimi anni, invece mani  assassine ti hanno fermato a soli 26!  Quanti sogni, quanti progetti, quanto Amore fermato per sempre, “per sempre” sai che ancora oggi,  non riesco ad accettare questo, aspetto sempre che tu arrivi da un momento all’altro e questo mio stato di profondo dolore si tramuta in una felicità senza fine! Non saprai mai che porto la tua anima con me come una luce  che rischiara i miei passi, che un po’ della tua voce suona nella mia, che tutto il nostro vissuto è chiuso dentro di me come in uno scrigno preziosissimo, si dimentica soltanto quel che si era già dimenticato quando accadeva, il superfluo, il resto rimane integro!

La tua voce, i tuoi passi risuonano nella nostra casa in un tempo senza tempo, il nostro♥

Sei stato trattato malissimo da questo mondo, giorni fa leggevo:

“Torture sui detenuti nel carcere di Sollicciano, 3 poliziotti arrestati e sei indagati a Firenze”

L’inchiesta della Procura di Firenze era nata da alcune denunce per resistenza a pubblico ufficiale a carico di due detenuti presentate dagli stessi agenti ora indagati. Per gli inquirenti in realtà sarebbero denunce false, fatte per nascondere in realtà i pestaggi. A causa delle percosse i detenuti hanno riportato lesioni gravi come la rottura di un timpano e la frattura di alcune costole.

Tre agenti di polizia penitenziaria sono finiti in manette oggi e altri sei risultano indagati con la pesante accusa di torture sui detenuti a loro affidati in carcere. Si tratta di agenti di custodia in servizio nel carcere di Sollicciano a Firenze la stessa casa circondariale dove sarebbero avvenuti le torture ai danni dei detenuti. Le misure di custodia cautelare, eseguite dagli stessi colleghi degli agenti coinvolti, sono state emesse dal gip del tribunale di Firenze su richiesta della pm Christine Von Borries della procura del capoluogo toscano che indaga sui fatti. Per tre agenti sono scattati gli arresti domiciliari, mentre gli altri sei agenti, le cui posizione sono state valutate come meno gravi, è stata disposta la misura dell’interdizione dall’incarico per un anno e l’obbligo di dimora nel comune di residenza. Oltre al reato di torture nei confronti di due detenuti, devono rispedire anche delle accuse di falso ideologico in atto pubblico per aver falsificato alcuni documenti ufficiali.

False denunce contro i detenuti per coprire i pestaggi

L’inchiesta della Procura fiorentina era nata proprio da questi atti che, secondo gli inquirenti, sarebbero stati falsificati. Si tratta in particolare di denunce per resistenza a pubblico ufficiale a carico di alcuni detenuti presentate dagli stessi agenti ora indagati. Per gli inquirenti in realtà sarebbero denunce false, fatte per nascondere in realtà i pestaggi che avvenivano in carcere ai danni delle vittime. Si tratta di un detenuto di nazionalità italiana e uno di nazionalità marocchina vittime di due distinti pestaggi avvenuti a distanza di due anni l’uno dall’altro: nel 2018 e nel 2020.

Agenti incastrati da intercettazioni in carcere

Per i pm si tratterebbe di pestaggi violentissimi che configurano il reato di torture. A causa delle percosse infatti i detenuti hanno riportato lesioni gravi come la rottura di un timpano e la frattura di alcune costole. Secondo l’inchiesta, condotta dal nucleo investigativo della stessa polizia penitenziaria anche attraverso intercettazioni ambientali nel carcere di Sollicciano, un ruolo rilevante nelle presunte torture lo avrebbe avuto l’agente più alta in grado, una ispettrice finita ai domiciliari.

Ma dove, dove ti avevano portato??? Un ragazzo di 26 anni incensurato, MAI avuto problemi con la giustizia e per una “Ipotesi di reato”???

Urlerò al mondo intero la Grande Ingiustizia da te subita per poi concludersi con la tua morte

Auguri Amore mio ovunque tu sia ♥


Condividi su Facebook