NIKI APRILE GATTI, LA NON MORTE E L’AMORE SENZA FINE


“Qualcuno ha fermato il tuo viaggio …
Qualcuno ha fermato il mio viaggio,
senza nessuna  carità di suono.
Ma anche distesa per terra
io canto ora per Te 
le mie canzoni d’Amore.”
(
Alda Merini )

E’ stato un Natale difficilissimo, negli altri c’è sempre stata Jolanda a raccogliere le mie lacrime e le mie crisi, quest’anno le lacrime e le crisi si sono raddoppiate e solo ascoltando la voce interiore che urlava “Noi ci siamo, siamo qui” si leniva la disperante assenza.

Difficile descrivervi lo sforzo nel ricacciare le lacrime e pregare  che le ore volassero nella speranza che l’ulteriore carico emotivo cessasse…il 7 Gennaio sembrava una meta  irraggiungibile!

A Natale ad Avezzano e Celano sono stati affissi questi manifesti:

A NIKI

Vorrei volare via da me stessa come un uccello migratore,

da questo roveto, da questo malessere, da questo perenne dolore.

Da quando ti ho perso, sono ossessionata dal silenzio,

sia che per strada la gente passeggi in silenzio o nel brusio,

io avverto il silenzio che svuota il rumore degli uomini.

Continuo a parlarti,

immagino i tuoi sguardi, il tuo sorriso, le tue risposte,

ed è bello pensare che tu mi possa ascoltare,

spero solo che tu non veda tutte le mie lacrime,

non vorresti vedermi così…

Le mie lacrime sono tante,

le cose belle che però tu mi hai regalato, di più!

“Scriverò di te per renderti una briciola soltanto del cuore

che mi hai dato.

Non perchè gli altri sappiano di te

Io scriverò di te perchè non è finita la tua Vita”

 

Buon Natale

Ti Amo

Mammapersempre

“La morte è la curva della strada” 

La morte è la curva della strada,

morire è solo non essere visto.

Se ascolto, sento i tuoi passi esistere come io esisto.

La terra è fatta di cielo. Non ha nido la menzogna.

Mai nessuno s’è smarrito. Tutto è verità e passaggio.

Fernando Pessoa

…Non ha nido la menzogna…e noi aspettiamo la Verità sulla morte del mio adorato Niki, gli spetta, è una profonda ingiustizia non dargli la Verità e la Giustizia, è un archiviare una Vita che fino a 26 anni aveva tutti i presupposti per essere un’ esistenza ricca per se stesso e arricchente per la Società! Aiutatemi a non permettere che si chiuda così…

Abbiamo riversato però,  tutto il nostro Amore nell’Associazione, che ci ha permesso di rivedere negli occhi dei tanti bambini i loro occhi, il loro amore!

Abbiamo mantenuto quello che abbiamo promesso (speriamo…) #nonunbambinodimeno #Natalepertutti e così è stato!
E i doni non sono mancati nemmeno alla “Casa di Salute l’Immacolata” di Magliano dei Marsi una Casa di Riposo per Anziani, alla casa famiglia “Oasi Madre Clelia” un centro antiviolenza femminile di Avezzano, alla “Casa di Mamre ” una casa di accoglienza per ex-detenuti o famiglie di detenuti ad Avezzano, alla biblioteca creata all’interno dell’ospedale di Pescina, al reparto pediatria dell’ospedale di Avezzano, ai detenuti della Casa Circondariale di Avezzano oltre  a tanti, tantissimi bambini Abruzzesi e Calabresi.

(Sara, tua madre è orgogliosissima di tutto il lavoro che hai svolto  nella raccolta giochi!!! ♥)

Abbiamo cercato di raggiungere tutti i bambini che ci hanno segnalato, sia nelle strutture che su segnalazioni anonime! Abbiamo lavorato molto sia a Cosenza che ad Avezzano, ma senza tutte le vostre donazioni  non saremmo riusciti a fare nulla, per questo Grazie, grazie dal profondo del cuore♥ 

 

Altre notizie potrete leggerle qui sul sito dell’Associazione Niki Aprile Gatti OnlusLa nostra Associazione è presente in Calabria grazie all’instancabile lavoro della mia amica/sorella  Andreina Ghionna, non potrò mai ringraziarla abbastanza(chi la conosce sa di cosa parlo, leggete l’articolo qui “CON NIKI APRILE GATTI SEMPRE NEL CUORE ” )  e  pensate che per me è molto, ma molto di più ♥

E’ lei….♥ ♥ 

 

NIKI APRILE GATTI, IL VUOTO, IL SILENZIO,L’ASSENZA E IL NATALE

Io imparerò ad arrivare dove sei tu…
qualunque sia la distanza.Ti verrò a cercare quando il vuoto e il silenzio
cercheranno di dare risalto alla tua assenza…
Ti cerco…
Ti Amo

Mamma

Come vorrei che i miei pensieri o i miei desideri avessero
il potere di rovesciare la storia dei fatti…purtroppo non è
così…

Occupavi tutto il mio spazio,i miei pensieri, eri il mio
tesoro…tutto si svolgeva intorno a te…
Si può comprendere cosa sia un figlio per una mamma??? Hai
vissuto nove mesi nelle fibre del mio corpo, respirando con le
mie narici, eri con me nei miei pensieri, nel mio
sangue, odoravi il mondo e lo respiravi attraverso
me…Tutto si complica quando il corpo della mamma non
riesce piu’ a fare da barriera a questo mondo esterno, ma il
legame, il cordone ombelicale, quello noi Niki, non l’abbiamo
mai reciso.Nel tempo si è trasformato in Amore maturo,
Intesa…Complicità…
Ecco tutto questo mi manca ed ancora di piu’!
Ti vedevo crescere tesoro ed il tuo sorriso che conquistava e
riusciva sempre a farti emergere, lo guardavo con
ammirazione, tu che in mezzo a sconosciuti riuscivi a
diventare amico di tutti…
Ti osservavo quando in ricorrenze, intorno al tavolo eri
sempre quello che sceglievi il frutto piu’ piccolo e brutto …o
sceglievi le cose che mai erano le ultime…e ti guardavo e

pensavo:”è lui il migliore, è lui mio figlio…è lui che si
preoccupa sempre che gli altri possano scegliere, la sua di
scelta non è mai a sfavore di altri e questo lo rende Unico, lo
rende solo MIO!
Anche la sua genialità lo rendeva unico, purtroppo è stata
quella che lo ha reso appetibile a persone prive di scrupoli e
oggetto di invidia di tutti e questo lo posso asserire senza
presunzione, in quanto la sua genialità (mai vantata da Lui)
gli era collettivamente riconosciuta!
A volte penso che se il suo sorriso fosse stato piu’
anonimo, se non avesse avuto la sua genialità, ma si fosse
perso nell’anonimato, forse lui sarebbe ancora con me, ma non
sarebbe stato il mio Niki!!!
In un versetto del testo sacro ebraico così è scritto:

“Un torto fatto non potrà raddrizzarsi, e quello che manca non si potrà contare…”

Così un altro Natale senza di Te, e quest’anno anche senza la tua amata zia, che però sarà con te  ♥ La vostra mancanza qui si taglia a fette…


Auguri a Voi, Amori miei♥♥

 

Un teatro pienissimo per il Parco dei Sorrisi e Sergio Meogrossi, lo spettacolo dedicato a voi è stato un successo! La mattina con i ragazzi e la sera  con la Città!

Sergio Meogrossi ha incantato gli spettatori raccontando con la sua grande arte e il suo talento un viaggio attraverso le fasi  dell’esistenza umana: l’infanzia, l’amore, l’amicizia, la solitudine, la vecchiaia, la morte, la fede.

 

 

 

 

 

Con lui sul palco, Nicolino Rosati, Tonio Vitagliani, Nunzio Cleofe, Francesco Vitagliani e straordinari musicisti che ci hanno regalato grandi emozioni e spunti di riflessione per questa breve nostra avventura che è la vita in questo mondo.

 Grazie a tutti  per aver contribuito a costruire un pezzo del sogno che è dell’associazione, e che è di Jolanda con la quale è stato pensato, discusso, immaginato. E che è di Niki che nei modi che Lui solo riesce a  manifestare ci fa sentire la sua approvazione e ci incoraggia.

Per il parco ad oggi sono stati raccolti 26.000 euro, ne mancano ancora tanti, ma siamo certi che con l’aiuto di tutti realizzeremo il nostro sogno!!

 

Ora stiamo raccogliendo i giocattoli nuovi e usati per le nostre ormai consuete donazioni sia nella Marsica che a Cosenza, con la nostra instancabile e sempre presente Andreina Ghionna. Partecipiamo tutti !

Quest’anno nelle scuole abbiamo portato contenitori in cui tutti i bambini e ragazzi potranno lasciare un loro gioco e rendere così il Natale meno triste per altri♥

#nonunbambinodimeno

Buon Natale a tutti e Grazie per tutto ciò che riuscite ad offrirci♥

 

NIKI APRILE GATTI E LA VERITA’ NEGATA

“Odiare i mascalzoni è cosa nobile”
Marco Fabio Quintiliano

Continuerò fino a sfinirli…amore mio, non possono neanche lontanamente immaginare cosa significhi avere il cuore e l’anima lacerati per sempre, dolore infinito…

Questa è l’intervista rilasciata al Dottor David Oddone ed uscita domenica 23 Maggio 2010 sul giornale “L’informazione” 

Caso Niki Gatti.

“Voleva parlare e fare
nomi e’ stata questa la sua condanna a
morte”
Parla la madre Ornella Gemini:

“La chiave di lettura sta nell’inchiesta. Io mi aspetto grossi sviluppi
dall’inchiesta‘Premium’, perché c’è dietro l’ombra della mafia”
L’intervista della domenica Ornella Gemini: “Voleva parlare, fare i nomi. E’ stata questa la sua condanna a morte”
“Niki mi parlo’ della rivendita di numeri telecom e wind a tariffazione
maggiorata”
Niki Aprile Gatti è stato trovato morto nel giugno del 2008 nel carcere di massima
sicurezza di Sollicciano appena quattro giorni dopo il suo arresto nell’ambito delle truffe
telefoniche degli 899, inchiesta”Premium”. Niki lavorava e viveva a San Marino. La madre
non getta la spugna e vuole fare luce su un“suicidio” che potrebbe avere risvolti inquietanti.

Signora Gemini, chi era Niki?

“Niki era un ragazzo pieno di sogni e di aspettative, credeva nelle sue capacità
riconosciute da tutti e adorava la sua famiglia, stravedeva per Il fratellino! Era
all’università a Roma quando è stato avvicinato da un ragazzo che gli ha fatto la
proposta di collaborare con delle aziende di San Marino. Prima a distanza, poi invece si è
trasferito insieme a Lui a San Marino. Niki era un ragazzo solare, sempre pronto alla
battuta, ed era definito un genio dell’informatica. Io sono venuta su a San Marino per
conoscere il titolare e vedere l’azienda: all’apparenza sembrava tutto nella normalità,
bella azienda e lui con la famiglia…
Niki era soddisfatto del suo lavoro e tutto procedeva per il meglio.Faceva siti per le
aziende bellissimi, me li mandava anche on-line per farmeli vedere! Poi un giorno mi parlò
anche dell’acquisto e della rivendita di questi numeri Telecom e Wind a tariffazione
maggiorata, ma nei termini che loro acquistavano dai gestori di telefonia per rivendere a
terzi. Mi disse anche che aveva questi rapporti con i gestori, tanto che un giorno era
andato un dirigente Wind e gli disse ‘sei davvero un ragazzo con grandi potenzialità se
vuoi un giorno andare via di qui, un posto da noi lo troverai sempre!’.
Me lo raccontò con gli occhi che gli brillavano per la soddisfazione. Quindi lui deteneva
anche questi rapporti direttamente con i gestori di telefonia”.

Ieri il nostro giornale ha riportato la notizia del rinvio a giudizio in Italia per chi si è
introdotto nell’appartamento di Niki ……

“Per quanto riguarda i furti, l’Italia non è stata in linea con San Marino. Ed ha rinviato a giudizio chi si è introdotto nell’appartamento di Niki trafugando tutti i suoi effetti personali.
San Marino ha letto le cose in maniera diversa e non mi pronuncio, in quanto credo che l’appartamento completamente ‘ripulito’ ad una madre, nessuno Umanamente lo avrebbe fatto……..”

Cosa non la convince invece della archiviazione, in Italia, della morte di Niki, bollata come suicidio?

“Non mi convince l’estrema volontà di chiudere tutto in fretta… Perché non
approfondire? Tutte le contraddizioni da noi sollevate, sono state bollate come
‘irrilevanti’ dal giudice italiano, che non le ha volute nemmeno approfondire. E’ incredibile. E’ stato considerato irrilevante anche un ‘messaggio anonimo’ dove si diceva:
‘io so molto di più circa l‘omicidio/ suicidio di Niki ma poiché sono implicato non posso parlare’.

Sa cosa ha detto il giudice? Che erano certi che lo scrivente avesse usato mezzi per rendere non facile la sua individuazione! E allora? Il Tribunale non ha i mezzi per indagare? Non riesco a capire come si possa non approfondire una affermazione di questa
gravità”.

Perché qualcuno avrebbe dovuto uccidere o spingere Niki al suidicio?

“Perché Niki voleva parlare. Questa è stata la sua condanna a morte”

E quali nomi avrebbe dovuto fare?

“La chiave di lettura sta nell’inchiesta. Io mi aspetto grossi sviluppi dall’inchiesta ‘Premium’, perché c’è dietro l’ombra della mafia, ed io aspetto di sapere di che tipo di ombra si tratti. Non dimentichiamo il genere di carcere che è Sollicciano e la tipologia di
detenuti che vi si trovano ristretti; le analogie con le altre inchieste Telecom/Fastwebb ed Eutelia, possono farci intravedere molti scenari. E non dimentichiamo che fra i 18 arrestati (uno in realtà , calabrese, è rimasto sempre latitante a Londra , ndr) Niki è
stato l’unico a non avvalersi della facoltà di non rispondere. Voleva parlare. Di chi e di cosa? E perché sono state fatte sparire tutte le sue cose dall’appartamento sammarinese?

(tutto archiviato dal giudice Battaglino a San Marino, ndr)

E i computer? Che cosa ci potevo trovare, che oggi tutti voi avreste saputo? Perché io avrei
davvero potuto leggere lì dentro le vere cause e chi poteva avere interesse a far tacere Niki per sempre”.

Il ruolo delle compagnie telefoniche è dunque fondamentale…

“Certo, il ruolo delle compagnie telefoniche è fondamentale, proprio per i rapporti che Niki aveva con le stesse. Quali sarebbero stati i nomi che Niki avrebbe fatto ai magistrati? E’ tutto qui il punto”.

Che cosa ha intenzione di fare ora?

“Io con il Comitato Verità e Giustizia Per Niki ed anche alcuni giornalisti non ci siamo fermati un giorno, stiamo facendo ricerche continue ed io ne sono convinta, faremo riaprire tutto, questa volta in qualche altra procura, italiana chiaramente”.

David Oddone

SKY TG 24 SERVIZIO