NIKI APRILE GATTI, LA STORIA….E LA VERITA’??

…..SEMPRE RICOSTRUENDO IL VECCHIO BLOG

POST DEL 26 NOVEMBRE  2010

“…l’inverno e il freddo
non vede il suo “capitale”,
non vede un  figlio….”
(Alda Merini)

ioena

(NIKI e Nathan….nei giorni di Vita)

Quello di oggi è un post duro…durissimo per me…..ma vorrei
che mi aiutaste a capire….
E allora voglio ricominciare da qui…dal punto in cui tutto è
finito…..
Sul quotidiano LA REPUBBLICA del 25.6.2008,pag. 4 ,
sezione Firenze,
(data successiva al decesso), Franco Corleone, quale
Garante per i diritti dei detenuti, in una intervista
rilasciata alla
giornalista Laura Montanari, dopo un colloquio avuto col

Direttore del Carcere di Sollicciano e
con gli agenti di custodia, afferma:

“……..ieri mattina alle 10,00 Aprile Gatti Niki aveva avuto
la
sua ora d’aria, era rientrato in cella, aveva scambiato
qualche parola con un agente sul processo,
ed alle ore 11,00 uno dei suoi compagni di cella era
andato in infermeria per prendere del

metadone un altro era rimasto lì, lui si è chiuso nel bagno
e si è impiccato”
(altri giornali non ricordo se anche questo riportavano
che Niki avesse fatto delle strisce ai Jeans e con le
strisce insieme al laccio avesse fatto…..)

Iniziamo ad analizzare queste dichiarazioni………
Dalle dichiarazioni rilasciate dai soggetti escussi
nell’indagine nonché dalla documentazione
fotografica acquisita non risulta che Niki fosse andato ai
“passeggi”….
Infatti, in nessun atto emerge la circostanza che APRILE
GATTI NIKI avrebbe profittato
dell’ora d’aria.

Invero, sull’ora d’aria cui beneficiano i
detenuti dalle ore 9,30 alle ore 10,30 gli
atti amministrativi interni del carcere recano un
inspiegabile vuoto illustrativo nella 1° Archiviazione ……

(Nella seconda ARCHIVIAZIONE…..si accerta: “NIKI APRILE GATTI NON
HA BENEFICIATO DELL’ORA D’ARIA”
Nella prova fotografica NIKI al momento del fatto indossava ancora il pigiama.

Non vi è rispondenza neppure con I’ora del
decesso,laddove nel citato articolo viene riferita alle ore
11,00 mentre il medico sanitario che ne ha curato
I’autopsia I ‘ora del decesso viene indicata alle ore 10,00.

(ORA DI CHIAMATA AL 118 …. 11.15…….)

Lo stesso garante sostiene che il ragazzo “Forse si è
scoraggiato pensando a una lunga detenzione,so che
aveva cambiato avvocato,altro segno di inquietudine”.


Con telegramma del 20 giugno 2008 con un ordine
categorico, si invitava Aprile Gatti Niki a nominare un
altro avvocato…..(ecco il telegramma)
TELEGRAMMA

Pur sapendo (chi ha effettuato questo Telegramma) di
andare contro la volontà della madre Ornella Gemini,che
in merito a tale decisione aveva ravvisato l’inopportunità
di un tale cambiamento.

Non fu dunque Niki a voler cambiare
legale, ma evidentemente un altro
soggetto …….

E… Possibile che in un carcere di massima sicurezza si
consegna un telegramma ad un detenuto in “isolamento”
senza controllare e che il Direttore non
sappia?????????????
Come faceva il Garante a non sapere dopo aver parlato
con il direttore ed anzi a leggere il “cambio avvocato”
come un “cenno di cedimento”???????????????
Queste sono le ultime scarpe del mio adorato Niki, restituite
dal carcere ……in una il laccio è perfettamente intrecciato,
nell’altra…..
SCARPE

QUESTO E’ IL LACCIO CHE E’ RIUSCITO A SORREGGERE UN
RAGAZZO ALTO 1.80 E DI 92 KG DI PESO

laccio niki

E QUESTI SONO I JEANS ….CHE COME POTETE VEDERE SONOPERFETTAMENTE INTEGRI…….

jaens niki

(TUTTI I GIORNALI RIPORTAVANO LA STORIA DELLE STRISCE
….TANTO CHE OGNI GIORNALISTA CHE SCRIVE ARTICOLI SU
NIKI …DEVO CORREGGERLO PERCHE’ ATTINGE DALLE
NOTIZIE DELL’EPOCA….E LA COSA FECE PARLARE TUTTI…IN
QUANTO COME AVREBBE POTUTO FARLE?????? E LORO DA CHI
AVEVANO AVUTO QUESTA “FALSA” NOTIZIA?????????????????)

“L’ingiustizia in un luogo qualunque è una minaccia per la giustizia ovunque”  (Martin Luther King)

 

Sentiamo cosa dice l’Agente di Custodia che ha parlato con
Niki per ultimo, alle ore 10,00 :
“Niki mi chiama chiedendomi informazioni in merito all’esito
dell’interrogatorio di garanzia avvenuto il giorno prima; io lo
rassicuro dicendogli che non avendo ancora ricevuto nulla di
scritto non era per niente scontata la sua permanenza in
carcere in quanto una eventuale scarcerazione poteva
sopraggiungere in qualsiasi momento; tuttavia entro
l’indomani mattina (25 giugno…..) attraverso la matricola gli
si sarebbero date ulteriori informazioni e tutti gli
aggiornamenti in merito alla sua posizione giuridica; il
detenuto appariva soddisfatto e sereno ringraziandomi della
risposta ricevuta, mentre io proseguivo nell’attività di
accertamento numerico..”
NELLA STESSA IDENTICA ORA ….ORE 10,00 IN CUI AVVENIVA
QUESTO COLLOQUIO ……E NON ASPETTANDO NEANCHE IL
GIORNO DOPO PER VEDERE SE USCIVA DAL CARCERE …NELLA
STESSA ORA …..NIKI MUORE……

Ecco cosa dice la Psicologa:
“Questi era sicuro che la sua permanenza nell’istituto fosse
di breve durata e che sarebbe stato scarcerato una volta
avuta la possibilità di andare in udienza e spiegare le sue
ragioni davanti al giudice; il soggetto aveva dimostrato una
capacità di gestire cognitivamente ed emotivamente la
situazione in cui si era venuto a trovare dopo l’arresto; il tono
dell’umore era normale, aveva uno stato ansioso reattivo
lieve, congruo alla situazione che stava vivendo; era assente
l’ideazione suicidaria, non aveva avuto precedenti
psichiatrici, nè mai manifestato problematiche psicologiche,
riferiva di non far uso di sostanze stupefacenti….”

Lo psicologo precisava che non aveva ritenuto di segnalarlo per
un ulteriore colloquio con lo psicologa in quanto non
considerava il caso di tale gravità da sottoporlo ad un colloquio ravvicinato nel tempo….

LA MORTE DI NIKI IL 24 GIUGNO 2008 NONOSTANTE LE
OPPOSIZIONI PERCHE’ NOI DAL PRIMO MOMENTO NON
ABBIAMO MAI CREDUTO AL SUICIDIO, E’ STATA ARCHIVIATA
COME “SUICIDIO”
“NELL’INCHIESTA PREMIUM” ERANO STATE ARRESTATE 18
PERSONE (DI CUI ALCUNE ANCHE MOLTO IMPORTANTI… )
SECONDO ALCUNI GIORNALI C’ERA ANCHE L’OMBRA DELLA
MAFIA … DI QUESTI 18 :
-Niki è stato l’unico a non volersi avvalere
della “facoltà di non rispondere”
-Niki è stato l’unico al quale hanno cambiato
Avvocato
-L’Appartamento dove Niki viveva in affitto
dopo 15 giorni dalla sua morte è stato
completamente “ripulito”
-Niki è l’Unico che non c’è più…..

COME SI E’ CHIUSA L’INCHIESTA PREMIUM??? E’ ANCORA
APERTA??????????
A VOI LE RIFLESSIONI…….

 

 

2 pensieri su “NIKI APRILE GATTI, LA STORIA….E LA VERITA’??

  1. Andreina Ghionna

    L’agente di custodia:
    “non era per niente scontata la sua permanenza in
    carcere in quanto una eventuale scarcerazione poteva
    sopraggiungere in qualsiasi momento; tuttavia entro
    l’indomani mattina (25 giugno…)
    ” il detenuto appariva soddisfatto e sereno ringraziandomi della
    risposta ricevuta, mentre io proseguivo nell’attività di
    accertamento numerico…”
    La Psicologa:
    “Questi era sicuro che la sua permanenza nell’istituto fosse
    di breve durata e che sarebbe stato scarcerato una volta
    avuta la possibilità di andare in udienza e spiegare le sue
    ragioni davanti al giudice;”
    Detenuto che brutta parola…non avrebbe nemmeno dovuto esserlo, visto il tipo di reato di cui era accusato avrebbero DOVUTO sequestragli il pc così non avrebbe potuto inquinare le prove, se mai fosse stato colpevole, e darli al massimo i domiciliari.
    E invece i pc li rubano (coincidenze!!!) e lui lo spediscono in un carcere di massima sicurezza, chissà perchè??? Comportamento anomalo da parte delle autorità? e questo garante che garantisce chi? come fa a parlare di cenni di cedimento? E questo direttore come fa a non accorgersi che il suo personale recapita telegrammi ad un “detenuto” in isolamento?
    Forse c’è QUALCHE anomalia in quest’arresto? In questi cinque maletti giorni? e poi mi scuso per la crudezza, ma direttore e garante non lo sanno che per impiccarsi bisogna fare un cappio e quindi ci vuole una certa lunghezza della CORDA? ma ci credono davvero che con quel laccetto Niki avrebbe fatto un cappio? A parte che mai lo avrebbe retto…e ma scusate…uno che pensa di uscire al massimo il giorno dopo, che fa? S’impicca? Beh…non ci credono neanche i bambini.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *