NIKI APRILE GATTI,L’HUFFINGTON POST, E UN’ALTRA PASQUA SENZA TE

bacio“Quando il Meglio è via, so che tutte le altre cose sono senza importanza. Il Cuore vuole ciò che vuole, il resto non gli importa…”
(Emily Dickinson)

….Ascolto gli uccelli che ad ogni primavera tornano ai nostri balconi e ciò che prima mi piaceva tanto, il risveglio della natura, i progetti per una estate da vivere, le finestre aperte, gli odori, i sensi….ora mi innervosiscono, mi angosciano, non mi arrendo alle stagioni che si accavallano senza di te….il mio grido costante:Dio cosa ti ho fatto?? Perchè?? Ho aiutato molte persone, ho sempre lavorato tantissimo, ho cercato     sempre il bene , Perchè??? Perchè tutto questo dolore?? Mai, mai ho detto perchè a Niki….non doveva accadere a Nessuno quello che è accaduto a Lui….

E per una volta Dio che ti ho chiesto di aiutare il mio Niki, tu non c’eri  per me……Dov’è il tuo Amore?? Dove la tua generosità?????

E’ tutto finito…..niente piu’ presente con Niki ..nè futuro…..solo passato….sopravvivo con la testa girata all’indietro…

La presenza della sua Anima l’avverto…ma quanto mi manca la sua presenza fisica!!!!!! Sono immersa nel mio dolore terreno, il mondo spirituale da me tanto studiato in anni “non sospetti” sperimentato, avvicinato, mi ha tradita…..dovevo essere in grado di riconoscere il male (anche se ben celato), la meschinità, la cattiveria……

Esce l’Articolo su Niki anche nell’Huffington post

Un’indagine, un morto, ma è stato tutto per un errore

Ornella Gemini è una donna che non può darsi pace. Suo figlio Niki Aprile Gatti è morto nel 2008 nel carcere di Solliciano: suicidio secondo gli inquirenti, suicidio simulato secondo lei. Ornella Gemini l’ho conosciuta lo scorso giugno ad Avezzano (ne ho parlato qui) e qualche giorno fa mi ha scritto e mi ha segnalato che nell’udienza preliminare che si è tenuta i primi di marzo (a sette anni e passa dagli arresti preventivi si parla ancora di udienza preliminare!) è emerso che la procura di Firenze che condusse l’operazione Premium su una presunta associazione a delinquere finalizzata alle truffe telematiche – inchiesta da cui scaturì l’arresto di 17 persone, tra le quali suo figlio – non aveva competenza sul caso e che il caso spettava invece alla procura di Arezzo.

Un dolore in più per Ornella Gemini: da anni lotta perché emerga la verità sulla morte di suo figlio, ora scopre che il pubblico ministero che aveva ordinato il suo arresto non aveva titolo per farlo… Ma soprattutto scopre “che se quel pm non avesse indagato sul caso Premium (non potendolo fare) Niki non sarebbe stato arrestato e sarebbe ancora vivo”. Intervistata da Il Garantista ha detto: “Cosa devo pensare? Che ho perso un figlio che era la mia vita per errore? Sono pronta ad azzerare tutto, fatemi tornare a casa mio figlio, una casa in cui dal 24 giugno 2008 non si vive più”.

“Se non avesse indagato…non potendolo fare”. Leggo e rileggo queste parole. Perché mi fanno pensare che l’errore di base sta proprio qui: nella pratica dell’indagine giudiziaria che sbatte la gente in galera per farla parlare, una pratica che da Mani pulite in poi, ma certo anche da prima, avvolge e controlla ogni momento della nostra vita. Indagine che diventa battaglia personale del bene contro il male dove la vittoria è sempre e soltanto l’arresto preventivo e il carcere. Ha detto bene poche settimane fa il presidente della Repubblica Mattarella all’inaugurazione dei corsi della Scuola superiore della magistratura a Scandicci: “Al magistrato si richiede profonda coscienza del ruolo e dell’etica della professione…un compito né di protagonista assoluto nel processo né di burocratico amministratore di giustizia”. E per essere più chiaro Mattarella ha aggiunto: “Vale sempre il monito di Calamandrei: “Il pericolo maggiore che in una democrazia minaccia i giudici è quello dell’assuefazione, dell’indifferenza burocratica, dell’irresponsabilità anonima”.

Un’irresponsabilità anonima che, come appare, ha permesso nel 2008 l’arresto di Niki Aprile Gatti in base a una indagine che gli inquirenti fiorentini non potevano fare. Un errore certo… può capitare… ma che capita proprio per “assuefazione, indifferenza burocratica, irresponsabilità anonima”, per quella guerra personale messa in atto da certi pm-sceriffi che si credono padroni e domini della vita degli uomini. “La giustizia – diceva Josè Saramago – non serve a niente se non si pone al servizio dell’uomo. Perché altrimenti ci possono essere leggi ingiuste e una giustizia corrotta”. (Francesco Lo Piccolo)

Stendiamo davvero un velo pietoso sulla “giustizia”….non giudico non conoscendo gli atti, ognuno si sarà fatta la propria opinione negli 8 anni del caso di Amanda Knox e Raffaele Sollecito per l’accusa di aver ucciso Meredith Kercher, ed ora assolti definitivamente.

Mi chiedo però, se le sentenze si rispettano, quale delle 4 diametralmente opposte è da rispettare?? La Verità è che la giustizia è un tritacarne e se ci capiti (per tua disgrazia) dentro, hai finito di vivere….in un senso ….o nell’altro!

LA TRIBUNA DI SAN MARINO

LATRIBUNA

Il Centro

GIORN

…..e  un’altra Pasqua senza di Te….♥ ♥

PASQUAPULCINO

E pure il tuo figlio

E pure il tuo figlio
il divino tuo figlio, il figlio
che ti incarna, l’amato
unico figlio uguale
a nessuno, anche lui
ha gridato,
alto sul mondo:
“Perché…!”
Era l’urlo degli oceani
l’urlo dell’animale ferito
l’urlo del ventre squarciato
della partoriente
urlo della stessa morte:” Perché””.
E tu non puoi rispondere
non puoi…
Condizionata onnipotenza sei!
Pretendere altro è vano.

(David Maria Turoldo)

Ti Amo Shalom Mammapersempre

….Buona Pasqua Amore mio…. ovunque tu sia ♥ ♥ 

5 pensieri su “NIKI APRILE GATTI,L’HUFFINGTON POST, E UN’ALTRA PASQUA SENZA TE

  1. Ornella Autore articolo

    Amore mio

    Tutto mi parla di Te …di noi…noi siamo ancora Noi!

    Ti Amo da morire, solo un velo ci separa…
    ma ti sento costantemente accanto a me a sorreggermi in questo deserto!!

    ♥ Buona Pasqua ♥

    Mammapersempre

    Rispondi
  2. COMITATO VERITA' E GIUSTIZIA PER NIKI APRILE GATTI

    E NOI TESTARDI URLIAMO E URLIAMO ANCORA INCESSANTEMENTE

    VERITA’ E GIUSTIZIA PER NIKI APRILE GATTI

    GRANDE AMICO GRANDE CUORE

    Rispondi
  3. Andreina Ghionna

    Perchè a Lui? Perchè era onesto, credeva nella giustizia, era retto, aveva valori e doni preziosi. Perchè ha risposto alle domande del magistrato. E’ stato sacrificato come Cristo in croce, era l’uomo giusto perchè era un GIUSTO. Dalla concretezza terrena è questa la verità.
    Da oltre quel velo…solo il Suo Amore che arriva fin qui, come una forza potente.
    Con Niki nel cuore.

    Rispondi
  4. laura

    Un grido di dolore..di giustizia che MAI diventerà silenzioso…. Manchi su questa terra, Niki…… E non solo!!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *