NIKI APRILE GATTI, PANAMA PAPERS, E …I DIVERSI PANTANI

AMOREMIO

Il peggio non è ciò che manca.

La cosa peggiore è quello che la vita ci ha dato e poi ripreso.

(B. Vian)

Caro Niki,

quando  ti hanno fatto andare via per sempre

la mia vita e tutti i miei sogni sono andati via con te.

…mentre io morivo senza te…

tu tornavi a vivere per me

in una nuova veste…cercando di aprirmi un pò di sereno nella mia tempesta…

A dirlo non ci crede nessuno, amore mio…ma abbiamo continuato il colloquio, il nostro, mai interrotto.

L’amore incredibile che ci ha uniti qui in questa parte dell’Universo è stato semplicemente una manifestazione concreta di se stesso, ma è infinitamente piu’ grande e non ascrivibile temporaneamente. 

Certo nel mio essere umano manchi, mancano le nostre lunghissime chiacchierate,il tuo amore, il nostro lavorare insieme, le tue formidabili idee, le tue intuizioni, il tuo essere Tu.

Mi sento sola nel mio essere umano, eri il mio migliore amico oltre che figlio, eri quello che chiamavo sempre quando avevo un problema e tu facevi altrettanto….nel mio ultimo compleanno con te, mi telefonasti e mi dicesti:”ho pensato ….solo mamma mi puo’ aiutare!” (avevi un problema stupido a guardarlo ora…) E quelle parole mi risuonavano nella mente mentre eri in quell’orribile carcere e mi sarei messa un milione di volte al posto tuo se avessi potuto,avevo già iniziato a smuovere tutto e tutti,ma ti hanno ucciso prima, sapevano del nostro rapporto e sapevano che non sarei stata ferma a guardare.

La violenza con cui hanno fatto tutto, è stata inumana! Ancora oggi non sono riuscita a riavere neanche i tuoi slip!! Che gente, che schifo e che vergogna!

Qui si continua a sopravvivere cercando quanto piu’ possibile di esserci, 

esserci se qualcuno ha bisogno, esserci nelle piccole battaglie,nel lavoro, esserci fin a quando non potremo riabbracciarci per sempre.

Tutto si vive in modo ovattato, si cerca di vederlo nella sua limitatezza, noi siamo andati oltre, un dolore così forte riesce a farti vedere tutto con occhi diversi, siamo qui solo per fare un’esperienza, cerchiamo di farla senza farci male, non giova a nessuno!

La nostra vita qui dura un attimo, per chi piu’ lungo per chi meno, ma torneremo alla vita spirituale così come ne siamo venuti, senza NULLA!

Questa esperienza dovrebbe servirci solo per far crescere la nostra anima, vicino ai nostri simili.

Leggo ieri sul giornale di San Marino:

SAN MARINO. Sta tenendo banco in Italia e nel mondo l’inchiesta internazionale Panama Papers, sui soldi confluiti nel paradiso fiscale del Centro America da soggetti di tutto il mondo. Ieri l’Espresso ha pubblicato i primi cento nomi (a lato).(…) 

Tra i nomi meno noti, però, ce ne sono alcuni che con il Titano ci hanno avuto a che fare eccome. (…) 

Di due di questi, in particolare, nel 2010 si parlò parecchio quando esplose l’indagine denominata Punchard-Broker, che coinvolse anche i vertici – usciti con assoluzione piena dalla vicenda – di Fastweb e Telecom Italia Sparkle. La stessa indagine nella quale si verificò anche il caso del tragico e misterioso suicidio in carcere di Niki Aprile Gatti. Tra i soggetti finiti nell’inchiesta c’erano anche l’ex senatore del Pdl Nicola Di Girolamo e il broker romano Marco Toseroni, i quali patteggiarono cinque anni ciascuno. (…)

Queste cose accadono, perchè si occulta sempre tutto…forse se all’epoca si fosse davvero indagato sul tuo omicidio (perchè tale è stato) le persone in qualunque modo coinvolte, non avrebbero continuato a fare quello che hanno sempre fatto, DELINQUERE!!!

E’ interessante anche questo articolo di qualche giorno fa:

“I PANTANI UCCISI DUE VOLTE” in cui fra i diversi Pantani, ci sei anche tu! (clicca  qui )

Uccisi due volte. Dalla camorra o dai servizi, mandanti regolarmente a volto coperto, parenti e famiglie distrutti dal dolore. E massacrati una seconda volta, da una giustizia cieca, a base di indagini depistanti, repentine archiviazioni, motivazioni spesso farneticanti. Per riaprire il caso devi scalare la cima Coppi e poi trovi un altro burrone…………

Ma questo Niki io e te lo sappiamo, come vedi non abbasso la guardia e lotteremo tutti insieme fino alla fine, per la Giustizia!

Ti Amo Shalom

Mammapersempre ♥

 

 

5 pensieri su “NIKI APRILE GATTI, PANAMA PAPERS, E …I DIVERSI PANTANI

  1. COMITATO VERITA' E GIUSTIZIA PER NIKI

    NOI CI SAREMO SEMPRE
    SIAMO UN COMITATO DI FERRO NIKI!
    URLEREMO FINO A QUANDO AVREMO VOCE

    VERITA’ E GIUSTIZIA PER NIKI APRILE GATTI

    Rispondi
  2. upupa

    Questo è un paese di “cattivi pagliacci”, pagliacci che uccidono materialmente e spiritualmente rimanendo impuniti.E’ questa la vergogna più grande, e quando qualcuno dice che la democrazia è stata sospesa, non sbaglia perchè hanno cancellato i diritti inviolabili…il diritto alla vita, al benessere, alla libertà…

    Rispondi
  3. Andreina Ghionna

    Quanto è stato facile archiviare e silenziare tutti!
    Che prove ci volevano perchè sentenziassero l’omicidio di Niki? Sarebbe dovuto tornare e testimoniare?
    In mano hanno ancora tutto per poter riaprire il caso…ma se riaprono e sentenziano l’omicidio per quel che è quante altre indagini debbono aprire?
    Troppa fatica? No, troppi interessi! Troppi nomi coinvolti!
    Nell’illusione dell’esistenza di un magistrato libero rimaniamo attenti.

    Rispondi
  4. laura

    “..mentre io morivo, tu vivevi per me..”
    Una piccola frase estrapolata dalle meravigliose e dolorose parole di Mamma ..
    E si comprende in parte un immenso dolore alla quale non si porrà mai fine. Non esistono toppe, ma esiste e noi ci crediamo anche nella giustizia di questo mondo umano, così dominato dall’ego, dal potere e dai soldi.. Le prove ci sono, gli accusanti anche ,ma un potere perverso e egoista miete vittime.
    Sopratutto e solo innocenti, come te , Niki …
    Noi non ci arrendiamo. Teniamo duro. Perchè per noi, Niki, non ha valore misurabile dalla mente, dall’ego umano.
    Verità. Giustizia. Amore.
    Sempre per NIki ..

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *