NIKI APRILE GATTI, JOLANDA GEMINI, SERGIO MEOGROSSI E… “Nzem Nend, Nzem Nisciun”

Rivoglio

Quel brivido intenso
che toglieva il fiato.
Mi lasciava senza respiro
per farmi respirare più forte.

Quella emozione pazzesca
che mi fermava il cuore.
Fino a non sentirlo più,
poi sentirlo ancor più forte.

Rivoglio… Te
Rivoglio…. Noi.

 Silvana Stremiz

Credo nella vita oltre la morte, credo che l’abito che indossiamo  e chiamiamo vita, non è altro che un momento dell’ esistenza della nostra anima eterna, che vive prima, durante e dopo il nostro passaggio terreno.

Non siamo stati creati  solo per essere felici, la Felicità è parte della ricompensa per il lavoro fatto,  per il progresso e l’aiuto reso agli altri che spesso è il risultato della comprensione.

La forza che governa tutto è l’Amore, gli affetti legano le persone  insieme, e se l’Amore tra due individui è forte e autentico, allora tali persone rimarranno in intima sintonia e felicità insieme, anche dopo la morte. 

Mi chiederete: allora perchè piangi??

Il dolore è sempre legato alla subitaneità di una rottura, al superamento di un limite al di là del quale il sistema psichico è sovvertito…

Il mio “Io” angosciato ha già fatto esperienza del dolore e sa che più si ama più si soffre, la sofferenza è la reazione  al trauma, la perdita è una rottura non fuori,  bensì dentro di noi.

Vivo il dolore della separazione, per questo piango…ma lungi da me il voler cristallizzare tutto intorno al “morto”, nessuno è morto, sono tutti vivi e non ci hanno lasciato in eredità il lutto, ma le cose belle che avrebbero voluto fare e non ne hanno avuto il tempo! Il lutto non deve essere patologico.

“Quando tutto questo sarà passato, scriveremo post per raccontarlo” ci dicevamo io e Jolanda, poi subito cambiavamo discorso, perchè non volevamo approfondire il significato di “quando tutto sarà passato”, non c’erano vie di mezzo: la vita o la morte…

Con la morte di mia sorella ho perso la seconda persona più importante della mia vita.

La mia anima ha subito la seconda violenta scossa…cerco di non annegare nel Dolore, devo portare avanti la loro memoria, lo faremo insieme.

Anche scrivere su questo blog è un modo per rimettere ordine dentro di me.

Avevamo deciso di scriverlo Jolanda,ricordi? Scrivere con quanta poca empatia vengano trattate le persone con gravi malattie in “alcuni” (non in tutti) ospedali, di come si ignorano le telefonate dei pazienti e dei loro familiari, di come si lascino fare anticamera per ore (i parenti) e poi non si ricevono, impossibile pensate? No invece, è quello che accade. Per i medici sono solo numeri, ma per noi, per noi sono Unici!!

Come  loro e i loro familiari vengano lasciati soli con diagnosi senza speranza. Come spesso vengano pronunciate prognosi  di morte senza pietà, senza che siano state provate con la dovuta scrupolosità, come se fossero giuste a priori.

Ognuno dei malati andrebbe trattato con la massima cura, perchè loro stanno combattendo la battaglia delle battaglie, quella per la Vita!

Jolanda era una combattente e non ha mai ceduto alla disperazione, nonostante ci avessero detto che non c’erano speranze, abbiamo continuato a cercarne altre, da Milano (Centro tumori Europeo) a Pavia con le nuove tecnologie del sincrotone , cercavamo di individuare anche una labile possibilità…ma niente.

Abbiamo lottato sempre con la speranza nel cuore fino all’ultimo giorno, facevamo continuamente progetti, lei sempre con il suo sorriso!

Un giorno mi prese la mano e mi disse:”Ascolta, se le cose non dovessero andar bene, vorrei che tu…”

La interruppi subito:” non voglio parlare di questo con te, andrà tutto bene, allora non mi credi??”

Tacque. Era la prima volta che cercava di parlare con me della sua morte.

Il solo pensiero di perderla mi paralizzava al punto da non riuscirne a parlare.

Fu un momento, subito dopo stavamo progettando una crociera tutte e tre le sorelle a settembre,le avevo portato i cataloghi dall’agenzia per farla sognare…e invece settembre è passato fra lacrime e insonnia senza di lei!

Ma voglio immaginarvi così sempre accanto a me…

il mio Niki mentre mi mandava un bacio

Jolis mentre mi rimproverava che facevo sempre foto….

 

noi mentre ci raccontavamo…quando finalmente tutti erano andati al letto…(o quasi, foto scattata da Niki a sorpresa)

Jolis  tu  sei sempre stata la mia compagna di Vita e di strada ♥

 Ieri abbiamo condiviso questo post di Jolanda su Niki e Vi invito a leggerlo:

“….in quella inchiesta,lui è stato l’unico che non si è avvalso della facoltà di non rispondere,ma voleva ,invece, collaborare….ma….pare che chi collabora nel nostro paese ..muore…Perché?
Perché collabora con quei pochi “onesti”che combattono lo Stato corrotto, lo Stato carnefice di chi non è allineato…..il nostro paese è “ricco” di questi episodi…
Infatti Niki non ha fatto in tempo a dire qualcosa….chi di dovere ha pensato bene di farlo tacere…e per sempre….hanno rubato anche …….. il suo tempo della verità…..
A chi interessava che non collaborasse?
Dopo la morte,nel giro di pochi giorni,il suo appartamento è stato completamente svuotato…..tutto scomparso!!!!!!!!!….” continua qui cliccate per leggere “Diritto di parola…..cosa è realmente accaduto a Niki………”

NOI RESTIAMO IN ATTESA DI VERITA’ E GIUSTIZIA PER NIKI!!

Il 23 Novembre al Teatro dei Marsi  con l’Associazione Niki Aprile Gatti Onlus faremo due bellissimi spettacoli, uno la mattina per gli studenti ed uno la sera,  in memoria di Niki e Jolanda  e l’intero incasso della manifestazione sarà devoluto alla realizzazione del Parco dei Sorrisi (il nostro Parco Inclusivo).

Diretto ed interpretato dall’attore Sergio Meogrossi,lo spettacolo in vernacolo-marsicano “Nzem nend, nzem nisciun”, con i musicisti Nicolino Rosati, Tonio Vitagliani, Flavia Massimo, Nunzio Cleofe e Francesco  Vitagliani, rappresenta il connubio poesia-musica. Vuole essere il viaggio attraverso le ore di una giornata simbolica-di una qualunque giornata-sull’impalpabile ma vertiginoso veicolo della parola, che tocca i momenti chiave non solo di una giornata ma di un’intera vita emblematica, attraverso i temi di cui da sempre la poesia parla: dall’infanzia all’amore, dalla guerra all’amicizia e alla solitudine, dalla vecchiaia alla morte, alla fede e all’idea dell’assoluto. 

Grazie Sergio, e grazie a tutti quelli che parteciperanno!!

3 pensieri su “NIKI APRILE GATTI, JOLANDA GEMINI, SERGIO MEOGROSSI E… “Nzem Nend, Nzem Nisciun”

  1. Ornella Autore articolo

    Amori miei,
    eravamo sempre pronti ad aggiungere sedie a casa, ricordate??
    Non è nella nostra natura toglierle♥ ♥
    Ciao Jolis mi manchi …fatti sentire tu sai come!
    Ciao Niki Ti Amo Mammapersempre

    Rispondi
  2. COMITATO VERITA' E GIUSTIZIA PER NIKI

    NOI SEMPRE QUI

    NON SMETTEREMO MAI DI ASPETTARE LA GIUSTIZIA!
    LA VERITA’ LA CONOSCIAMO

    GIUSTIZIA PER NIKI APRILE GATTI

    Rispondi
  3. Andreina Ghionna

    Loro sono lì, ad un millimetro da te.
    “nulla di ciò che è reale può essere minacciato.Nulla di irreale esiste”
    Il vuoto che senti è irreale, non esiste.
    Così mi è stato insegnato da chi era devastato da un immane dolore, lo fece dandomi spiegazioni e facendomi capire il senso di reale ed irreale in maniera diversa, capovolta, del significato che avevo dato fino a quel momento a queste due parole.
    Niki è nel mio cuore, Jolanda l’ho amato di riflesso, per quello che è per te, per i caffè che ti portava. E l’ho ammirata per la persona che era, per le sue battaglie, per il suo scrivere dei e ai ragazzi, per l’incitamento e l’insegnamento che dava ai giovani, per i suoi inviti a rivendicare i diritti e a non girare la testa davanti a nulla.
    Sono presenti non ti abbandonano mai.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *